The Times They Are A-Changin’

The Economist, “The unlikely Tory rebels”

Bob Dylan lo cantava cinquantacinque anni fa, ma in queste settimane quella frase sembra descrivere ancora una volta gli sconvolgimenti sociopolitici in atto. In Italia c’è un governo tutto da reinventare, in Gran Bretagna il Parlamento sarà bloccato per cinque settimane, con uno stallo che favorisce il no deal, mentre il presidente degli Stati Uniti propone di «bombardare gli uragani» – sì, proprio così, ho usato il virgolettato perché è un’affermazione reale – per evitare catastrofi.

Una cosa che mi ha sempre affascinato è l’intreccio tra gli eventi storici su larga scala e i nostri piccoli grandi avvenimenti quotidiani. Così, mentre in questi giorni mi scorrevano davanti agli occhi immagini di consultazioni, proteste, incendi imponenti e meeting internazionali, io facevo i conti con settembre, il mese delle ripartenze e dei buoni propositi. Quest’anno è un po’ speciale: ieri è uscito il mio terzo libro, lunedì riprende il mio programma radio, ci sono un po’ di puntini da unire ma, soprattutto, sono tornati i Bombay Bicycle Club e questa è sempre una bella notizia, soprattutto se non si facevano sentire da cinque anni.

Tornano anche gli Algiers, altro gruppo per il quale posso riservare solo cuori. Lo fanno con un brano concettuale, che qualcuno ha definito sul web «il loro To Pump A Butterfly», staremo a vedere. Un mesetto fa era stata la volta dei Foals che a ottobre pubblicheranno la seconda parte di Everything Not Saved Will Be Lost.

Nel frattempo, sono usciti altri album che ho recensito. Per farla breve; bene Jay Som, nella norma (forse un po’ troppo) Ra Ra Riot e Futureheads. Da qualche giorno è in edicola anche il numero settembrino di Rumore, con i miei contributi. Personalmente, non vedo l’ora che arrivi il nono mese dell’anno, di riprendere in radio, presentare il libro e chissà cos’altro succederà. Quello che è sicuro è che in questi giorni nelle mie orecchie risuonano alcuni versi che mescolano tensione e speranza:

If your time to you is worth savin’
And you better start swimmin’
Or you’ll sink like a stone
For the times they are a-changin’

Un pensiero riguardo “The Times They Are A-Changin’”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...